Eventi Posts

La Pietra e il Silicio… i laboratori

La Pietra e il Silicio… i laboratori

In occasione della Mostra “La Pietra e il Silicio” di Marco De Luca c/o la Chiesa di Santa Maria Dell’Angelo di Faenza (RA), Giovedì 10 e 17 ottobre 2019, vi proponiamo due laboratori esperienziali di “Pedagogarte” – arteterapia e pedagogia del corpo.

I laboratori saranno condotti dalle ideatrici del metodo:

Anna Maria Taroni, Arteterapeuta e Martina Tarlazzi, Pedagogista

I laboratori sono su iscrizione e a numero chiuso, occorre prenotarsi entro le date segnalate.

Di seguito tutti i dettagli:

LABORATORIO ADULTI: La possibilità in un frammento – Giovedì 10 Ottobre 2019 – Ore 20.00/21.30 – Iscrizione ENTRO lunedì 07/10

LABORATORIO BAMBINI: Piccoli pezzi da ascoltare – Giovedì 17 Ottobre 2019 – Ore 17.00/18.30 – Iscrizione ENTRO lunedì 14/10

La natura delle terre

La natura delle terre

Sabato 30 Novembre 2019, si svolgerà c/o la Scuola dell’Infanzia del Fiume “San Benedetto” a Zenson di Piave (TV), il corso di formazione e aggiornamento “La Natura delle Terre”: una giornata esperienziale ricca di stimoli, laboratori, idee e riflessioni intorno all’argilla e alle sue proprietà.

Segreteria organizzativa: Barbara Scheda

Docente: Anna Maria Taroni Arteterapeuta, fomatrice, atelierista, designer

Nella locandina trovate il programma dettagliato della giornata e modalità di iscrizione.

Alfabeti Naturali

Alfabeti Naturali

Sabato 5 Ottobre 2019, si svolgerà c/o la Scuola dell’Infanzia “Tullia Cortesi” di Lorenzaga (TV) il corso di formazione e aggiornamento “Alfabeti Naturali”.

Segreteria organizzativa: Barbara Scheda

Docente: Anna Maria Taroni, Arteterapeuta, formatrce, atelierista, designer

Nella locandina trovate il programma dettagliato della giornata e modalità di iscrizione.

Progettare un nuovo anno scolastico

Progettare un nuovo anno scolastico

Il nuovo anno scolastico è alle porte e ci si avvia con entusiasmo ad iniziare un anno nuovo di possibilità. Regalare possibilità ai bambini non significa trasformare la scuola, o meglio le ore di lezione,  in un affastellamento di attività, ma in quanto adulti, siamo chiamati a compiere il primo atto di responsabilità: scegliere. Scegliere vuole dire selezionare, entrare dentro ai progetti capire quelli che possono nutrire il bambino. Nutrire, non tenere impegnato. Sono due cose fondamentalmente diverse.

Fra poco voi insegnanti inizierete a scartabellare fra una miriade di proposte che arriveranno fra le vostre mani, e la domanda è sempre quella: “quest’anno cosa facciamo?” Leggete, informatevi, ma soprattutto chiedete. Chiedete la formazione di chi entra in classe, perché fra le parole scritte sulla carta e il fare, c’è sempre la soggettività della persona che fa la differenza. Se allora voi siete chiamate a scegliere come atto di responsabilità, verso i bambini e verso le famiglie, non stancatevi di chiedere, perché la preparazione della persona che entra in classe fa la differenza. Lo fa in tutto: nella gestione del gruppo, nello sguardo verso il bambino, nella professionalità in ogni suo gesto e in ogni sua parola. Andreste mai a fare un viaggio in aereo con un pilota che lo fa perché gli piace volare e non ha mai fatto voli? Lascio a voi la risposta. Ogni laboratorio è un viaggio e offre la possibilità al bambino di iniziare a volare. Buona scelta!

Estate… un cantiere delle arti

Estate… un cantiere delle arti

Oramai proiettati verso l’ultima settimana di Agosto è normale voltarsi indietro e guardare la propria estate. Lunga? Corta? Faticosa? La nostra sicuramente è stata polverosa. Perché per costruire, bisogna progettare, immaginare, spostare muri, aprire finestre….

È così che dopo anni di progettazione, sulla carta e fra le carte, al lavoro quotidiano si è affiancato questo grande cantiere delle arti, che, in questa estate, ha visto la sua prima tappa importante.

Due anni fa, per promuovere sul territorio progetti di qualità, è nata l’Associazione Culturale “La Stalla 1873. Accademia di ricerca, formazione e sperimentazione”. Ora l’associazione è vicina ad avere la sua casa: una stalla del 1800, che fra archi, volte e colonne ha come obiettivo di trasformare il luogo di produzione che era, in un luogo di “allevamento” di idee.

Un’associazione che raccoglie professionisti certificati e riconosciuti a livello nazionale.

Un luogo per fare crescere le idee, coltivarle alla maniera di Mirò.

Un luogo immerso nel verde, per potere ampliare lo spazio dove fare esperienze.

Un luogo dove le arti si incontrano e trovano un nuovo linguaggio.

Uno spazio condiviso che ha come obiettivo il benessere della persona.

Un progetto così grande non nasce dal nulla, ma dalla determinazione, passione, entusiasmo che giorno dopo giorno aiuta i mattoni a rimanere sempre più saldi.